“Donne e fantastico” di Giuliana Misserville / Recensione

Repostiamo da La Bottega del Barbieri questa recensione che è valsa il PREMIO ITALIA 2021 per miglior articolo su rivista amatoriale. Grazie a Daniele Barbieri per averlo incoraggiato e ospitato, grazie a chi lo ha votato e grazie a chi leggerà il saggio stesso, un testo interessante e importante per capire meglio la letteratura fantastica di questo paese.

Continua a leggere

Marion Zimmer Bradley: basta con questa cattiva maestra

A volte mi sento fortunata, come una che sia scampata a un abuso per puro caso: una che ha perso quell’autobus, o ha declinato distrattamente un certo passaggio in macchina, ma la sua amica no e le è andata peggio e poi si può solo raccontare e raccogliere i pezzi, tanto della sopravvissuta che della scampata.

Mi sento fortunata perché sono scampata ai romanzi di Marion Zimmer Bradley.

Continua a leggere

La comunità SFF vacilla di fronte alle accuse contro Marion Zimmer Bradley

Questa è la mia traduzione al post di The Guardian “SFF community reeling after Marion Zimmer Bradley’s daughter accuses her of abuse”
Lo pubblichiamo qui come “appendice” al post “Marion Zimmer Bradley: basta con questa cattiva maestra” scritto in occasione del “caso Montanelli”, per ragionare insieme di idoli da abbattere e di cui sperabilmente liberarci.

La comunità della SFF vacilla dopo che la figlia di Marion Zimmer Bradley la accusa di abuso

Continua a leggere

Posso godermi l’arte e denunciare l’artista? – Roxane Gay

Questa è la mia traduzione al post di Can I enjoy the art and denounce the artist? di Roxane Gay, per Marie Claire (6 febbraio 2018).
Lo pubblichiamo qui come “appendice” al post “Marion Zimmer Bradley: basta con questa cattiva maestra” scritto in occasione del “caso Montanelli”, per ragionare insieme di idoli da abbattere e di cui sperabilmente liberarci.

Posso godermi l’arte e denunciare l’artista?

di Roxane Gay

Crescendo, ho adorato The Cosby Show. A me e ai miei fratelli era concessa solo un’ora di televisione alla settimana, ciò significava trascorrere del tempo con Bill Cosby e la sua famiglia televisiva. Da ragazza nera della classe media, mi veniva detto che lì c’era qualcosa della mia vita, che tornava di riflesso. Tale rappresentazione era sfuggente, necessaria e incredibilmente significativa. Non potrei descrivere in modo più netto di questo l’impatto che Cosby ha avuto su di me.

Quando sono cresciuta e ho iniziato a sentire storie sull’abitudine di Cosby alle aggressioni sessuali, ho avuto il desiderio di distogliere lo sguardo. Non poteva essere possibile che l’uomo che ci ha dato il personaggio di Cliff Huxtable potesse anche essere un predatore sessuale. Ma io cerco sempre di credere alle persone quando raccontano quanto hanno sofferto. So quanto costa il farsi avanti in veste di vittima di violenza sessuale, e quando il responsabile è famoso, il costo è massimo, e ciò che si ottiene è davvero poco. Mentre l’entità delle sue violenze veniva alla luce, anche solo il numero di donne che Cosby ha perseguitato mi ha sconcertata, come la volontà di alcune persone di tenere ancora in considerazione la sua eredità artistica, nonostante il male che ha fatto.

Ogni volta che penso al lavoro di Cosby, ricordo le donne che ha perseguitate, e come il loro silenzio sia stato imposto dalla trappola dorata della sua fama. Per me, l’eredità artistica di Cosby è insignificante di fronte al dolore che ha causato. Deve esserlo. Prima Cosby ha dato un grande contributo artistico,  e poi lo ha distrutto. La responsabilità della distruzione è sua e solo sua. Siamo liber* di piangerne, ma non a spese delle sue vittime.

Verso la fine del 2017, la diga del silenzio si è infranta, e donne e uomini sono venute allo scoperto, in quantità senza precedenti, dando voce a come furono aggredite, molestate, intimidite, messe a tacere e sminuite in molti modi da uomini creativi di potere. Molte eredità sono state rese insignificanti da queste testimonianze, anche se il dibattito sull’eventualità che ciò avvenga continua, in modo inspiegabile.

Non possiamo più inchinarci all’altare del genio creativo ignorando il prezzo troppo spesso pagato per quel genio. A dire il vero, avremmo dovuto imparare questa lezione molto tempo fa, ma subiamo la fascinazione culturale di uomini creativi e potenti che sono anche “mercuriali” o “volatili”: di uomini che si comportano male.

A questi uomini viene dato ampio spazio. La loro importanza conferisce loro una certa immunità. Perdoniamo le loro trasgressioni, perché creano cose così brillanti, perché sono così carismatici, perché c’è un tale fascino per le persone che sfidano le convenzioni culturali e che osano fare tutto ciò che vogliono. Sia che stiamo parlando di Bill Cosby o Woody Allen o Roman Polanski o Johnny Depp o Kevin Spacey o Harvey Weinstein o Russell Simmons o di qualsiasi uomo che abbia costruito il suo successo sulle schiene di donne e uomini la cui sofferenza è stata ignorata per il bene di quello stesso successo, è tempo di dire che nessun’opera d’arte, nessuna eredità è tanto grande da farci scegliere di guardare dall’altra parte.

Non faccio più fatica con le eredità artistiche. Non è così difficile rigettare il lavoro di predatori e uomini arrabbiati, perché soffrire per l’eredità di un predatore significherebbe che c’è un prezzo che sono disposta a lasciare che le vittime paghino per amore della buona arte, mentre la verità è che non esiste mezz’ora di TV così eccellente da valere il prezzo della sofferenza di chicchessia. Al suo posto, ricordo quante carriere di donne sono state rovinate; penso a coloro che hanno rinunciato ai loro sogni perché alcuni “geni” hanno deciso di indulgere alla propria sete di potere e di controllo, considerandola più importante dell’ambizione e della dignità altrui. Ricordo tutto il silenzio, i decenni e decenni di silenzio forzato, intimidazioni e manipolazioni che hanno permesso ai malvagi di prosperare. E nel fare tutto ciò, per me è abbastanza facile per me non darmi pensiero della presunta grande arte di uomini cattivi.

Esistono persone creative di ogni tipo, che sono brillanti, originali, misteriose e in grado di trattare gli altri con rispetto. Il genio creativo non scarseggia di certo, ed è questo il tipo di opere alle quali invece possiamo e dobbiamo rivolgerci.

Roxane Gay

Versione originale del post: Can I enjoy the art and denounce the artist? di Roxane Gay, per Marie Claire (6 febbraio 2018).

Un discorso di incoraggiamento da parte di N.K. Jemisin

Il pep talk è un discorso fatto per motivare e incoraggiare chi ascolta. Per il NaNoWriMo, iniziativa online dedicata alla scrittura, molti autori e autrici hanno condiviso con i/le partecipanti alcune parole ed esperienze, per ispirare forza.

Quello che segue è il pep talk di Nora K. Jemisin, autrice di fantascienza considerata tra le migliori dell’ultima decade, e ci troverete una storia interessante.

Mettiamo le sue parole  nella “calza della Befana” di quest’anno: vi auguriamo un buon 2020 e tantissime belle stagioni di letture e scritture. Yak!

Jemisin a Barcelona nel 2017, foto di Jordi Cotrina

Dunque, storia vera:

In una fredda notte d’inverno, ho chiamato Kate Elliott, mia amica e mentoressa. Balbettando, ho ammesso che avevo la disperata paura di aver scritto il peggior romanzo mai esistito. Era troppo strano, troppo sconclusionato, un enorme casino, ed ero praticamente certa di non possedere l’abilità letteraria di raccontare quella storia come aveva bisogno di essere raccontata. Insomma, ho dichiarato: avrei chiamato il nostro editore comune e avrei chiesto di rescindere il mio contratto.

Kate ha ascoltato con pazienza, e poi mi ha detto qualcosa che ora io dirò a te: ogni scrittore passa attraverso una cosa simile. Ogni. Scrittore.
È nell’ordine di ciò che facciamo: per creare un mondo, popolarlo e renderlo reale, dobbiamo credere che abbiamo qualcosa di straordinario nelle nostre mani. Dobbiamo credere di essere fantastici — almeno per un momento, almeno abbastanza per tentare questa cosa incredibilmente difficile.
Questo è il punto più alto del processo creativo.

Però è difficile mantenere questa convinzione, quando passi sotto la macina che è la messa in pratica dell’idea. Il vigore crolla. E a un certo punto, verso la metà, avrai necessariamente una battuta d’arresto, riguarderai quello che hai scritto — e sarà un disastro, i romanzi in corso sono sempre un disastro, la creatività è questo, ed è a questo che serve la revisione — e farai un salto all’indietro, con orrore.
Questo è il nadir, il punto più basso dell’eccitazione che hai provato quando hai iniziato il romanzo. Questo è l’opposto del momento di stupore che ti ha spinto a iniziare il NaNoWriMo.
Questo è l’Abisso del Dubbio.

Raggiunto questo punto, ti si prospetta una scelta: puoi buttarti nell’abisso, abbandonare il tuo romanzo e sguazzare nel pensiero di quanto fai schifo.
Oppure puoi allontanarti dal bordo del burrone.
Farlo sarà difficile, perché hai già in moto il tipo sbagliato di slancio. Dovrai invertire i motori e bruciare un po ‘di carburante in più per contrastare l’inerzia. Dovrai risalire verso la vetta, o almeno raggiungere un’altezza sicura. Potresti metterci un po’ di tempo in più, ma va bene. Meglio tardi che mai.

E se può aiutarti, ricorda: è questo ciò che ti rende uno scrittore o una scrittrice. Sì, questo. Il male allo stomaco, la prostrazione, la ferma convinzione di essere La Peggiore e che tuo romanzo è Il Peggiore e che fa tutto schifo. È così che a volte si sentono scrittori e scrittrici. (È così che a volte si sentono tutti.) Ma scrittori e scrittrici non permettono che questa sensazione li travolga.

Com’è finito il mio incontro con l’Abisso del Dubbio?
Kate mi ha convinta a non abbandonare la scrittura del romanzo — davvero, ho detto che l’avrei cancellato, avrei bruciato il PC e hackerato Dropbox per assicurarmi che non ci fossero backup — prima di parlarne con il mio editore.

Saggia Kate: questa decisione mi ha imposto un paio di giorni di attesa, per pensarci e calmarmi. E quando ho raccontato la mia fiaba di dolore al mio editore, la sua risposta è stata: Ah, sì, succede. Prenditi una pausa e pensaci su, poi ne riparliamo.

L’ho fatto. Mi sono sentita meglio. E poi ho finito il romanzo. (La quinta stagione, pubblicato nell’agosto 2015.) Oggi come oggi, penso che sia la cosa migliore che abbia mai scritto.

Quindi. C’è l’abisso che sbadiglia davanti a te. C’è il bordo del burrone, sotto i tuoi piedi. Se hai raggiunto questo punto, significa che sei una vera scrittrice/un vero scrittore, indipendentemente da ciò che decidi: congratulazioni per questo traguardo.

E ora, vorresti continuare a essere un vero scrittore/una vera scrittrice?

Allora girati e torna al lavoro.

Jemisin ritira il Premio Hugo nel 2018. E il suo discorso è un’altra roba forte.

Articolo orginale qui: NaNoWriMo – Pep talk from N. K. Jemisin

Buon Anno e buoni abissi!

 

#25novembre – Ancora sul femminicidio…

Parlando di genere, di violenza e di narrazioni, in questi ultimi anni ci sono stati molti cambiamenti, sia nella mentalità generale, sia nei discorsi mainstream, sia (conseguentemente) nella fantascienza.

Ci piace ricordare, in questo giorno dedicato alla consapevolezza e alla lotta contro la violenza sulle donne da parte degli uomini, che all’interno del fandom siamo state tra le prime ad aprire la questione delle narrazioni di genere, e a ricollegarci esplicitamente al femminismo contemporaneo e ai temi di genere più scottanti, occupandoci in particolare di una parola: “femminicidio”.

Qualcuno sostiene che la fantascienza non deve essere politica, che non deve occuparsi di attualità.
Noi la pensiamo diversamente.

Ecco il primo post che pubblicammo in merito: La fantascienza delle donne italiane, il femminicidio e altre amenità.

#nonunadimeno #femminicidio #niunamenos #italianscifi #fantascienzafemminista #fantascienzadelledonne

Corpo cammina con me – Incontro alla Libreria “Il Covo della ladra” per #tempodidonne

[A cura di Giulia Abbate]

Questa mattina sono stata a una presentazione interessante: “Corpo cammina con me – Manipolazioni, trasmutazioni e fantascienze”, con Nicoletta Vallorani, Caterina Mortillaro e Alberto Grandi, condotto da Mariana Marenghi, presso la libreria di quest’ultima: il “Covo della Ladra di libri”, un luogo relativamente nuovo, ma già conosciuto e direi ormai imprescindibile per chi ami leggere e conversare di letture qui a Milano.

Continua a leggere