Finalisti al #premioitalia 2019: ci siamo anche noi

Oggi sono usciti i risultati della prima fase del Premio Italia, ovvero quella delle segnalazioni: i nomi più segnalati sono entrati in finale e ora si tratterà di esprimere delle preferenze tra di loro.

Con la novità, quest’anno, della possibilità di scelta multipla: sarà possibile indicare una seconda e una terza scelta. QUI la spiegazione dettagliata del sistema di voto con il metodo dell’Australian Ballot.

Sul sito Fantascienza.com come sempre la lista dei finalisti.
Siamo felici di esserci!

Il dodo al completo, Giulia Abbate e Elena Di Fazio, concorre con Futuro Presente come miglior collana: noi siamo le curatrici, ma ci sono anche tant* autori e autrici dei racconti della collana, che speriamo siano premiat* con un riconoscimento collettivo.

E collettivo sarebbe anche il riconoscimento come miglior antologia per Next-Stream. Visioni di realtà contigue, Kipple editore, curata da Giulia Abbate con l’editore Lukha B. Kremo, che concorre in una categoria particolarmente bella e “difficile”, date le tante proposte antologiche di alta qualità che da sempre contraddistinguono la fantascienza italiana.

I giochi sono aperti. Complimenti nel frattempo a tutti i finalisti e buono spareggio!

 

Annunci

“Pistacchio amaro” – Racconto umoristico

Oggi è l’ultimo giorno utile per segnalare opere e nomi per il Premio Italia 2019. Dopo la mezzanotte di oggi, la prima fase si chiuderà e si andrà allo spareggio, con la distribuzione di armi votazione dei finalisti nelle rispettive categorie.

Pubblichiamo oggi uno dei nostri racconti segnalabili al Premio Italia: “Pistacchio amaro” è un racconto umoristico scritto da Giulia Abbate e pubblicato sul numero 2 di “Andromeda – Lost Tales”, per i tipi di Lettere Elettriche edizioni.

Abbiamo pensato di renderlo pubblico per diversi motivi: intanto se c’è qualcun* che non ha ancora votato può farsi un’idea diretta e personale della nostra proposta; poi speriamo che faccia venire la voglia di leggere anche il resto della rivista che contiene articoli e racconti molto belli; infine, più semplicemente, per farci una ghigna insieme.

YAK!

Pistacchio Amaro

Salute, grande Autore!
Mi chiamo Xz7 e le scrivo da Vega15, stella gemella di Eros77.
Siamo quindi vicini di sistema stellare e mi permetto di contattarla per farle una richiesta.

Continua a leggere

Premio Italia 2019: le proposte del Dodo!

“Il Premio Italia non arriva: ti salta addosso!”, disse un antico saggio tibetano. Eccoci quindi, a pochi mesi dalle grandi soddisfazioni dell’ultima edizione, pronte a proporre nuove candidature e dare nuovi voti. Il Premio Italia, lo ricordiamo, è un riconoscimento assegnato nel campo del fantastico italiano: l’obiettivo è premiare opere di varia natura (romanzi, racconti, fumetti ecc) pubblicati nell’anno precedente (in questo caso, quindi, il 2018). Ha diritto di voto chi ha partecipato a una delle tante convention “convenzionate” (tra cui la Stranimondi di Milano): se fate parte dei votanti, avete sicuramente ricevuto la relativa e-mail con tutte le indicazioni!

Se il 2017 era stato per noi un anno ricchissimo di pubblicazioni, il 2018 è stato invece più riflessivo e orientato alla scrittura. Nonostante ciò, abbiamo le nostre candidature da proporre in diverse categorie: se seguite il nostro lavoro e vi va di darci una chance, ecco in quali sezioni potete votarci!

Miglior racconto su pubblicazione professionale

Candidabile: “Pistacchio amaro” di Giulia Abbate, pubblicato su Lost Andromeda Tales n.1 – aprile 2018

Lettori alieni, scambi epistolari e fan di altri mondi: con un’ironia alla Sam Savage, Giulia Abbate racconta in chiave sci-fi la dura vita dello scrittore, qui o altrove nell’universo!

Miglior articolo su pubblicazione professionale

Candidabile: “Prefazione a NeXT-Stream. Visioni di realtà contigue” di Giulia Abbate, pubblicato sull’omonima antologia – Kipple Officine Librarie, dicembre 2018.

La realtà contigua è un altrove che è già qui: e l’irruzione del non familiare in un contesto già spiazzante, nel quale i personaggi si muovono attingendo a competenze misteriose, istintive, seguendo pulsioni di vita, confidando nella possibilità di cogliere qualcosa di vero ovunque si trovino a vagare.

La prefazione è stata ribloggata qui su Lezioni sul Domani: per leggere il testo integrale clicca qui!

Miglior articolo su pubblicazione amatoriale

Candidabile: “Duecento anni di Frankenstein e sei racconti romantici & gotici su Mary Shelley e il suo Prometeo moderno” di Giulia Abbate (pubblicato su Andromeda – Rivista di Fantascienza)

Giulia Abbate ripercorre la storia di Mary Shelley e del suo “Frankenstein” in occasione dei duecento anni dalla prima pubblicazione del capostipite della fantascienza!

Miglior curatore

Candidabile: Giulia Abbate e Elena Di Fazio

È ormai dal 2016 che curiamo per Delos Digital la collana Futuro Presente, dedicata alla fantascienza a temi sociali. In questi tre anni abbiamo letto tonnellate di manoscritti, abbiamo dato consigli tecnici (anche agli esclusi, perché il rapporto fosse sempre dialettico e proficuo), abbiamo editato, scritto sinossi e anche stretto belle amicizie con i “nostri” autori e autrici! Se volete, potete quindi candidarci in coppia in questa categoria.

Candidabile: Giulia Abbate e Lukha B. Kremo

A dicembre 2018 è uscita una bellissima, nuova antologia per le Officine Kipple: parliamo di “NeXT-Stream. Visioni di realtà contigue“, che ha l’obiettivo di

coniugare la letteratura di genere, in particolare quella di fantascienza, contaminata, anzi miscelata con altri generi e con il mainstream. Una fantascienza light, dove i cliché dei generi sono dilatati in una storia che soprattutto mette in dubbio la propria realtà quotidiana.

L’antologia è stata curata dall’energico duo Giulia Abbate/Lukha B. Kremo: potete proporl* nella categoria “Miglior Curatore”!

Miglior Collana

Candidabile: Futuro Presente (Delos Digital)

Visto che abbiamo menzionato Futuro Presente, ricordiamo che la collana può essere votata nella categoria – ça va sans dire – “Miglior Collana”. Se volete farvi un’idea dei testi pubblicati, qui li trovate tutti!

A loro volta, alcuni dei titoli di Futuro Presente sono candidabili nella categoria “Miglior racconto su pubblicazione professionale” 8quelli usciti tra gennaio e dicembre 2018). Li elenchiamo di seguito:

Le talee del cielo di Giampietro Stocco: toccante storia di accoglienza e intolleranza sullo sfondo degli Usa rurali;

Il palazzo di Barbara Bottalico: distopia che racconta una storia di lotta e speranza;

Liberi tutti di Irene Drago: storia di prigionieri e fughe sullo sfondo di un inquietante futuro;

Oxygen di Lorenzo Iacobellis: cosa accadrebbe se in futuro ci facessero pagare anche l’aria che respiriamo? Se lo domanda Lorenzo Iacobellis nel suo racconto terzo classificato al Premio Urania Short 2017.

Ecco poi altre due segnalazioni che vi proponiamo:

Miglior Antologia

Candidabile: “Next-Stream, Visioni di realtà contigue”, AA.VV., a c. Giulia Abbate e Lukha B. Kremo, Kipple Edizioni

Miglior Illustrazione o copertina

Candidabile: Ksenja Laginja per Next-Stream

Buon voto! E viva la fantascienza e il fantastico 🙂