Giornata internazionale contro la violenza sulle donne – I nostri post a tema

Oggi è il 25 novembre, e oltre a essere il black friday (dispenser per mangime di dodo con glitter e musichetta di Beethoven, a me!) è la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

feminist-leilaIn questo umile blog che tratta di umile fantascienza, ci siamo più volte confrontate con temi quali il femminicidio, il maschilismo e il femminismo, perché sono temi presenti, sentiti e discussi anche nella fiction di fantascienza… e a volte nella vita delle scrittrici di fantascienza.

homeL’articolo La fantascienza delle donne italiane, il femminicidio e altre amenità è stato il primo post del genere. Con l’occasione dell’uscita di due antologie fanta femminili, abbiamo parlato della scrittura femminile e anche del femminicidio. Qui trovi una storia del termine, quando è nato e perché, e perché è necessario che sia usato.

La parola femminicidio ha una storia: ricordo bene di averla sentita per la prima volta per un luogo, un tempo e una situazione precisa. Quella di  Ciudad Juarez, la città che uccide le donne.
[Continua a leggere il post]

homeL’articolo La fantascienza è delle donne è la relazione della conferenza tenutasi a Stranimondi (convention del libro fantastico) con lo stesso titolo. Cinque tra autrici e critiche si sono confrontate su cosa significa essere donna e scrivere fantascienza oggi, hanno raccontato un po’ della loro esperienza, e hanno dato tantissimi spunti di riflessione.

Dagli anni ’70 si afferma un tipo di fantascienza nuovo rispetto al passato: si abbassa la percentuale di tecnologia e si alza quella di utopia, e più in generale dell’attenzione rispetto al presente e alla società già in essere, per criticarla o sviluppare la speculazione in merito.
[Continua a leggere il post]

homeL’articolo Milena Debenedetti: Il maschilismo si annida nei dettagli è il racconto in prima persona di una delle autrici di sf italiana con la più lunga esperienza e militanza sul campo. Grandi temi e piccoli dettagli, apparentemente insignificanti ma invece molto significativi, per metterci un po’ nei panni di chi deve combattere stereotipi e a volte vere e proprie mistificazioni.

Se anche avessi descritto uno sbudellamento nei dettagli iperrealistici, qualcuno avrebbe senz’altro detto di vedervi la tipica sensibilità e delicatezza femminile.
[Continua a leggere il post]

homeIn questo umilissimo spazio, abbiamo poi recensito Memorie di una sopravvissuta di Doris Lessing. Lessing nella seconda parte della sua vita e carriera ha polemizzato con le femministe, dalle quali si è allontanata per diversi, ottimi motivi (lo dico da femminista. Anzi, da dodofemminista). La sua opera, e questo romanzo, sono comunque dei fari, dei pilastri per esperire il mondo con una chiave di lettura femminile e di donna, che può arricchire tantissimo anche i lettori e gli autori dell’altra metà del cielo (i maschi, dico ! ^_^)

Sono felice di aver letto “Memorie di una sopravvissuta” prima di avere delle figlie, perché allora ho potuto sopportare meglio la sensazione di smarrimento che emerge dalle pagine più potenti di questo misterioso romanzo. E perché anche grazie a esso sono una madre migliore.
[Continua a leggere il post]

homePoi un link esterno (da dove ho pescato la Leila femminista): un bel pacco di slide semplici e chiare sul Feminist Literary Criticism, ovvero la critica letteraria di stampo femminista. La sua storia. Le sue madri ed esponenti. I suoi limiti e difetti. I suoi effetti. So’ du’ slaid. Che ce vo’.

homeInfine, le anticipazioni. Presto sul nostro umilerrimo spazio il report di un incontro con Nicoletta Vallorani. E le recensioni a “Il racconto dell’ancella” di Margaret Atwood e di “Seme selvaggio” di Octavia Butler. Roba forte. Stay Tuned!

Nel frattempo: domani a Roma, superpoteri per tutti e per tutte. Non una di meno.

Foto arrubata dal profilo di Simona Polla, da questo link
Foto dal profilo di Simona Polla, da questo link
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...