Crazy Friend – Io e Philip K. Dick

libro-crazyfriend

“Crazy Friend” è un saggio scorrevole e divertente che raccoglie alcune prefazioni e articoli di Lethem dedicati alla figura di Philip K. Dick.
Su Dick si è scritto molto, specialmente negli ultimi anni, quando la riscoperta dei suoi romanzi si è unita a quella del genere sci-fi, con i suoi eterni cicli di gloria e oblio. Ma più che della letteratura di Dick, “Crazy Friend” è una retrospettiva di un rapporto ideale e letterario, del dialogo silenzioso dello scrittore Jonathan con il maestro Philip, e di una formazione alla fantascienza (e perché no, alla vita) attraverso la lettura di classici dickiani.

Lethem racconta della sua scoperta di Dick, della lettura vorace, del sogno post adolescenziale di conoscerlo, rotto bruscamente  dalla morte dello scrittore californiano. Abbiamo davanti, quindi, degli scritti autobiografici e di formazione, dove la letteratura si mischia alla realtà, la memoria ai progetti futuri, la critica letteraria (ottima e onesta) agli aneddoti (anche quelli gustosi, non dimentichiamo che Dick è amato da un sacco di gente strana).

Quale scrittore non porta nel cuore un maestro ideale? Chi di noi non ha un libro, una frase, più spesso un autore, dal quale è stato ossessionato? Chi non ha mai scritto un racconto al solo scopo di imitare un grande, per copiarne il tema, lo stile, per sognare nell’arco di una riga di essere come lui?
In “Crazy Friend” Lethem ci racconta la sua ossessione, e rilegge Dick come critico ma anche come fan, ammettendo candidamente di volersi sentire un suo figlio letterario, il suo ideale prosecutore.

Se il testo ha un punto debole, sono forse i racconti finali di Lethem ispirati ai temi dickiani, che a mio avviso sono piuttosto scarsi, specie se paragonati alla splendida prosa della prima parte. Tuttavia, sono tentativi coerenti con quanto Lethem ci racconta, ed esprimono a modo loro la tensione ideale dell’allievo verso il maestro.

“Crazy Friend” è quindi un saggio che può interessare ai lettori di Dick, ma anche agli scrittori in generale, perché racconta di una formazione letteraria, di un autore scopertosi tale grazie a un altro autore. È un paradigma, ed è anche un racconto simpatico e avvincente.

Un’ultima nota: “Crazy Friend” è edito da Minimum Fax, editore che è una garanzia. Ed è uscito in cartaceo dopo la versione in ebook, resa acquistabile sul sito dell’editore un giorno prima l’uscita del volume.  E tanto per confermare l’ottimo lavoro di Minimum Fax, ecco qui lo speciale su Lethem con interventi  inediti molto interessanti (tra cui una conversazione con Dave Eggers). Buona lettura!

 

[In origine sul sito di Studio 83:  Crazy Friend – Io e Philip K. Dick]

Annunci

One thought on “Crazy Friend – Io e Philip K. Dick

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...